I tempi della disdetta:  Le prime comunicazioni di Coop a Celox (un grossista di pere), nella vicenda della riduzione della fornitura, risalgono a ottobre 2012 dove al fornitore era stata chiaramente anticipata la volontà da parte di Coop di superare il rapporto per operare più direttamente con fornitori espressione diretta dei produttori agricoli

Le motivazioni: Coop voleva accorciare la filiera, riducendo i costi non necessari e dando così più valore ai produttori diretti (agricoltori) e ai consumatori. E’ una strategia che Coop ha sempre perseguito, ancora più necessaria negli ultimi anni che hanno visto sia la riduzione del potere di acquisto delle famiglie, che della reddittività del comparto agricolo.

Lavorare per i grandi non vuol dire restare immobili: Il rapporto con Celox tuttavia è proseguito fino al 2014 proprio perché Coop voleva dare il tempo necessario al fornitore per gestire l’impatto di una cessazione del rapporto. Celox, di fronte a tali comunicazioni, non ha modificato né la propria attività di grossista e commerciante, né la propria specializzazione in un unico segmento di mercato. E’ stata una libera scelta di Celox non diversificare la clientela e la tipologia dei prodotti; lo spazio c’era in quanto in questo comparto Coop rappresenta meno del 6% del mercato.

Il provvedimento dell’Anti Trust: Coop contesta al provvedimento dell’Antitrust gravi carenze nella fase istruttoria, genericità della motivazione e violazione del principio di contraddittorio e per il quale abbiamo presentato ricorso. Non possiamo che rimarcare la potenziale pericolosità delle tesi dell’AGCM che, se generalizzate, danneggerebbero in particolare i piccoli produttori agricoli italiani ritenendo abuso qualsiasi rapporto tra loro e la grande distribuzione. Sono quegli stessi produttori di cui Coop è alleata; in un mercato molto difficile e frammentato siamo stati e siamo i principali sostenitori dei produttori agricoli italiani.

Il rispetto dei consumatori non è negoziabile: Infine, i capitolati che Coop stipula con i propri fornitori di prodotto a marchio Coop sono certo impegnativi e rigorosi, ma questo rappresenta un valore aggiunto a vantaggio della tutela della salute e del diritto alla qualità al giusto prezzo per i nostri consumatori.